Tiziana Vola

Studi, riconoscimenti e curriculum professionale

  • 2006 – Master dell’Ordine dei Giornalisti di Milano, e conseguente iscrizione all’Albo dei Giornalisti Pubblicisti
  • 1997 – Premio Meeting Planner dell’Anno della rivista Meeting & Congressi, per gli eventi organizzati in Italia e all’estero
  • 1992 – Laurea in Lettere Moderne, Università  Statale di Milano
  • 1988 – Master in Pubblicità e Comunicazione presso CESMA
  • 1980 – Diploma di Operatore Turistico, Istituto A. Bertarelli, Milano

Da più di 20 anni opero nel mondo della comunicazione, ho iniziato per gioco quando ero ancora una studentessa, nel settore dei beni di largo consumo, per poi proseguire con un’esperienza durata circa dieci anni come partner di Qwerty PR nel settore dell’information tecnology.

In Fleishmann-Hillard, dove ho ricoperto per cinque anni la carica di Vice President per la Busines Unit IT, ho iniziato a occuparmi del settore salute per quei progetti che utilizzavano la comunicazione multimediale in ambito scientifico ed educazionale.

Tornata a una realtà  professionale a misura di donna (e all’epoca di mamma con un figlio in età scolare) ho lavorato per cinque anni in Dynamicom, un’agenzia di comunicazione che opera in ambito esclusivamente medico-scientifico.

La mia carriera, all’nterno di multinazionali della comunicazione e di agenzie di piccole e medie dimensioni, mi ha portato a una crescita professionale in ambiti diversi e al coordinamento di progetti internazionali complessi, così come alla gestione e allo sviluppo di realtà  nazionali dove l’attenzione al dettaglio e alle dinamiche proprie dell’azienda sono di fondamentale importanza.

Dall’inizio del 2008 ho deciso di operare in autonomia nel settore della comunicazione per la salute, continuando in parte a collaborare per alcuni progetti con altre agenzie di settore.

Già con l’avvio del Programma nazionale di ECM (Educazione Continua in Medicina) nel 2002, che aveva istituito l’obbligo della formazione continua per i professionisti della sanità, e nel 2009 con le nuove procedure per l’accreditamento dei Provider ECM, si era creata l’esigenza di nuove professionalità  dedicate alla formazione medico-scientifica.

A questa nuova area mi sono appassionata e quindi dedicata, lavorando in qualità di consulente per seguire l’intero iter di accreditamento di aziende e agenzie, che operando nel settore della salute, volevano diventare Provider ECM.

Perchè ho scelto di dedicarmi alla comunicazione della salute & del benessere?

Perchè amo questo lavoro e perchè la comunicazione e la formazione in questo ambito sono una leva strategica delle politiche di prevenzione oltre che di cura nel nostro Paese.

Nella comunicazione per la salute e il benessere, che è soggetta a una regolamentazione complessa, i pubblici di riferimento sono molti e diversi: enti, istituzioni, aziende farmaceutiche, aziende sanitarie, associazioni dei pazienti, medici, operatori sanitari e cittadini.

Una serie di interlocutori attivi e consapevoli di un percorso di “costruzione sociale della salute” che trova nella partecipazione e nella condivisione di obiettivi, strategie e attività,  i suoi punti di forza.

In quest’ottica, la comunicazione è uno strumento fondamentale che consente alle aziende del settore di mettersi in rete con gli altri attori sociali per costruire strategie integrate ed efficaci, per migliorare la salute e il benessere della popolazione, come determinato dalle direttive del Ministero della Salute.

Per riassumere: credo che quando si parla di salute, sia importante promuovere, a seconda del target di riferimento, la conoscenza di prodotti, di strumenti di settore, le nuove scoperte e le nuove terapie attraverso informazione e formazione. Informazione e formazione, oltre ovviamente alla ricerca e all’innovazione, sono infatti componenti fondamentali per la produzione di salute.

Dal 11 luglio 2018, risulto inoltre iscritta, secondo quanto disposto dalla Commissione di Valutazione, all’Albo degli esperti, dei collaboratori e dei ricercatori di AGENAS per l’area “Comunicazione”.

Salva

Salva

Salva